DETRAZIONE FISCALE 36%
La riforma finanziaria del 2009 prevede una proroga di quelle che erano le agevolazioni fiscali inerenti la ristrutturazione delle costruzioni destinate ad uso abitazione.La legge del 24 dicembre 2007 n 244, è questa la legge che definisce i parametri della manovra finanziaria del 2008, agli art 17 e 18 avalla la precedente normativa. Il primo dei due articoli, stabilisce infatti che sono prorogate per gli anni 2008, 2009 e 2010, per una quota pari al 36 per cento delle spese sostenute, nei limiti di 48.000 euro per unità immobiliare, ferme restando le altre condizioni ivi previste, le agevolazioni tributarie in materia di recupero del patrimonio edilizio relative a: - interventi di cui all’ articolo 2, comma 5, della Legge 27 Deicembre 2002 n. 289 e successive modificazioni, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2010; -interventi di cui all'articolo 9, comma 2, della Legge 28 Dicembre 2001, n. 448, nel testo vigente al 31 dicembre 2003, eseguiti dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2010 dai soggetti ivi indicati che provvedano alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile entro il 30 giugno 2011. L'art.18, invece, definisce prorogata per gli anni 2008, 2009 e 2010, nella misura e alle condizioni ivi previste, l'agevolazione tributaria in materia di recupero del patrimonio edilizio relativa alle prestazioni di cui all'articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, fatturate dal 1° gennaio 2008.

Trasmissione della richiesta di detrazione IRPEF a mezzo raccomandata.

 La prima cosa da fare è inviare il modulo di comunicazione per la detrazione del 36 per cento ai fini IRPEF per raccomandata senza ricevuta di ritorno al Centro Servizi di Pescara, Via Rio Sparto 21 65100 Pescara.Nel modulo vanno indicati: 

Dati del dichiarante per agevolazione fiscale.

 - Inserire il codice fiscale e i dati anagrafici del soggetto che trasmette la comunicazione. - Barrare la relativa casella se siamo possessori (proprietari o titolare di altro diritto reale) o detentore (locatario, comodatario) dell'immobile. - Se i lavori di ristrutturazione riguardano parti comuni di edifici residenziali si dovrà barrare la casella AMMINISTRATORE se il soggetto che trasmette la comunicazione è l'amministratore del condominio, o CONDOMINO se il soggetto è uno dei condomini. Naturalmente si dovranno indicare i dati anagrafici di colui che trasmette il modulo e nell'apposito spazio il codice fiscale del condominio. 

Dati dell'immobile per esenzione IRPEF.

 - In questa sezione si dovranno indicare i dati (rilevabili dal certificato catastale) relativi all'immobile sui quali sono stati effettuati i lavori. - In mancanza di dati catastali si potrà indicare se è stata presentata domanda di accatastamento, barrando la relativa casella. - Se i lavori sono stati effettuati dal locatario o dal comodatario si dovranno indicare gli estremi di registrazione del contratto di locazione o di comodato. 

Documentazione allegata per agevolazioni IRPEF.

 Barrare le caselle dei documenti allegati alla domanda.     - Copia della DIA o permesso per costruire.     - Dati Catastali.     - Copie delle ricevute del pagamento ICI dal 1997.     - Delibera assembleare e tabella millesimale per lavori condominiali.     -Estremi di registrazione del contratto di locazione o comodato ed eventuale consenso del proprietario all'esecuzione dei lavori.     - Se abbiamo difficoltà a reperire la documentazione suddetta, potremo inviare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio (senza bollo), in cui dovremo dichiarare di essere in possesso della documentazione necessaria.

IMPORTANTEPer ogni unità immobiliare andranno trasmesse altrettante comunicazioni;il modello va compilato in stampatello e con chiarezza in modo che sia letto dal sistema ottico predisposto dall'Agenzia delle Entrate.  

Comunicazione all'ASL di inizio opera.

Sempre prima dei lavori di ristrutturazione si dovrà trasmettere una seconda raccomandata (con ricevuta di ritorno) contenente una comunicazione all' ASL di competenza nel territorio dove è ubicato l'immobile.

Nella comunicazione andranno specificati:l'ubicazione dei lavori;i dati del committente;la natura delle opere;la data di inizio dei lavori;

l'impresa esecutrice;

l'assunzione, da parte dell'impresa, della responsabilità al rispetto delle regole sulla sicurezza e di contribuzione .

Dichiarazione dell'impresa per usufruire delle agevolazioni fiscali.

Se i lavori di ristrutturazione non superano i 200 operai/giorni o per cantieri che non comportano rischi particolari, non c'è l'obbligo di trasmettere all'ASL la dichiarazione dell'impresa che dovrà comunque essere rilasciata al committente e conservata dallo stesso.

Questo per dare la possibilità al richiedente, di non perdere i benefici qualora vengano accertate violazioni a tali adempimenti da parte dell'impresa.

La dichiarazione deve essere firmata in carta semplice dal rappresentante legale dell'impresa.Nel caso di più imprese, la dichiarazione dovrà essere rilasciata da ognuna di esse.

Nel caso prima dei lavori non siano state ancora individuate le ditte appaltatrici, la dichiarazione potrà essere inviata successivamente.

 

Pagamento dei lavori di ristrutturazione.

Ricordiamo che è indispensabile effettuare il pagamento delle spese per i lavori di ristrutturazione solo tramite bonifico bancario da cui risulti:la causale del versamento;il codice fiscale del beneficiario dell'agevolazione;la partita IVA o il codice fiscale dell'impresa beneficiaria del bonifico.Se il pagamento è stato effettuato da più soggetti, il bonifico deve riportare il numero di codice fiscale di ognuno di essi.Nel caso sia stato indicato solo il codice fiscale del soggetto che ha inviato la comunicazione al centro servizi, niente paura , la detrazione viene riconosciuta anche agli altri aventi diritto purché questi indichino nella loro dichiarazione dei redditi il codice fiscale riportato sul bonifico.Nel caso di lavori condominiali, nel bonifico dovrà essere trascritto il codice fiscale del condominio, quello dell'Amministratore, e dell'eventuale condomino che ha provveduto al pagamento materiale della spesa.Nel caso di comproprietà dell'immobile, il diritto alla detrazione va ripartito tra i proprietari sulla base delle spese effettivamente sostenute da ciascuno di essi. Anche in questo caso vanno riportati i codici fiscali di ognuno dei comproprietari, ricordandosi che le fatture devono essere intestate agli stessi nominativi.

 Tuttavia se nel bonifico è stato indicato solo il codice fiscale del soggetto che ha inviato la comunicazione al Centro Servizi, per gli altri partecipanti non decade la possibilità di ottenere il beneficio a meno che questi non si dimentichino di indicare nella loro dichiarazione dei redditi il codice fiscale riportato sul bonifico.

IMPORTANTENella causale del versamento si dovrà indicare la tipologia dei lavori con la successiva dicitura " Articolo 1, comma 3, decreto del Ministro delle Finanze e dei Lavori Pubblici 18 febbraio 1998, n. 41 ". 
 

 

 

 

Scritta il 27/03/2009
Decor System srl - P.Iva: 11809820159